Francesca Polizzi, la stella curvy italiana che brilla anche all' estero
Francesca Polizzi, la stella curvy italiana che brilla anche all' estero

Francesca Polizzi, la stella curvy italiana che brilla anche all' estero

Conosciamo insieme Francesca Polizzi, bellissima modella curvy romana di nascita ma internazionale di adozione



Francesca Polizzi, la stella curvy italiana che brilla anche all' estero

Ciao Francesca e ben venuta su Mondo Curvy. Per me è un'intervista speciale perchè Francesca la conosco dai suoi primi scatti e  ho sempre creduto in lei e spronata ... vero ?

 

Ahah certamente! Mi ricordo come una delle tante ragazze alle primissime armi, tutte attorno a Mya, in fila come soldatini sull’attenti senza fiatare più del dovuto! Scherzi a parte, hai rappresentato un punto di partenza e riferimento per tante di noi, quando erano in pochi a spingerci a riconoscere quanto potevamo valere, come bellezze e come persone! Davanti a te eravamo uguali, nulla faceva differenza; sei stata la prima a spronarmi a tirar fuori ciò che ero, e lavorare su di me, e di questo ti ringrazierò sempre!


Francesca modella, fotomodella e Fashion insider for MiNTmag, in quale ruolo ti trovi più a tuo agio?

 

Se cerco sempre di portare avanti, sviluppare e mantenere ognuno di questi ruoli, senza che nessuno riceva meno spazio o attenzione dell’altro, è proprio perchè mi sento a mio agio in tutti! Per me rappresentano il raggiungimento di traguardi, e basi da cui spingermi sempre più in alto. Impegnarmi in diversi settori, cercando di sfruttare quanto meglio le passioni e le potenzialità che posso mettere a disposizione, mi fa sentire completa, dinamica...mille sfaccettature mi rendono me stessa!


Francesca Polizzi, la stella curvy italiana che brilla anche all' estero

In questi ultimi 3 anni la moda è cambiata, la visione delle curve è cambiata. E' realmente cosi o è un fenomeno passeggero secondo te?

 

Perchè la visione di un’intera società riguardo uno specifico lato di questa cambi e si radicalizzi, occorre un tempo infinito..dato che, purtroppo, i fenomeni sociali (e la moda lo è) cambiano con la massa. L’idea di perfezione del corpo femminile è variata infinite volte nel passato, e la donna formosa è stata considerata icona di bellezza in diverse epoche, anche molto recenti; credo, tuttavia, che il cambiamento di cui parli sia diverso, ha qualcosa di nuovo. Non è nato da una proposta della moda, bensì è nato da noi, da ognuna di quelle persone che nel loro piccolo hanno cercato di andare controcorrente, che hanno avuto la forza di distaccarsi e mostrare a tutti la loro diversità, con fierezza, negando i canoni imposti, e spronando gli altri a fare altrettanto. Il cambio di rotta del settore moda è stata una conseguenza. I mezzi che abbiamo a disposizione oggi ci permettono di avere una voce e di farla sentire; quindi no, non credo sia un fenomeno passeggero, finchè ci sarà chi ama la bellezza in tutte le sue forme e sarà pronto a difenderla.


Essere curvy per te significa?

 

Al momento mi potreste trovare ovunque sotto l’appellativo “Curvy model”, più che altro per specificare il settore di mercato per cui lavoro; tuttavia “Curvy” per me è molto più di un riferimento fisico. “Curvy” è stato prima un piccolo rifugio, in cui, un pò con la coda fra le gambe, mi sono sentita accettata per la prima volta; poi, con gli anni, è diventato per me una filosofia, che porto avanti con fierezza, ben consapevole di quanto sia inflazionata, o usata erroneamente. Essere curvy è stare bene con se stesse, nonostante si abbiano dei chili in più o una costituzione fisica che semplicemente non equivale alle taglie che ci sono sempre state dettate come sinonimo di bellezza. “Curvy” è considerarsi normali, mai inferiori, nè inadeguati; è mantenersi sani, non rinunciando mai a sè stessi e la propria personalità per soddisfare le aspettative della società; è conoscersi e amarsi per ciò che si è, non temendo le proprie debolezze; è essere fonte di energia, positività e ispirazione.


Si può essere belle anche essendo plus  o curvy, o la società ancora ghettizza?
 

Io credo profondamente che la bellezza sia presente in ognuno di noi, non esistono canoni che possano determinare se una persona è fisicamente bella o brutta. La bellezza si traduce in forme infinite, che ognuno legge a modo suo. Tuttavia, a mio parere, la “bellezza” è qualcosa di complesso, non legata esclusivamente al fisico. Per me bellezza è anche, e soprattutto, salute; quando si sta bene con sè stessi dentro e fuori si raggiunge, a mio parere, la perfezione, non solo fisica. Prima dicevo che la parola “curvy” è spesso inflazionata; credo sia spesso utilizzata scardinata dal concetto di “salute”; amarsi è anche questo, aver cura di sè stesse e del proprio corpo, garantendogli stabilità ed equilibrio costante. La società ghettizza, e lo farà sempre, finchè ci sarà una maggioranza. Ma la società è fatta da singoli individui, troppo insicuri ed impauriti per dichiarare la propria personale opinione; ed è su quelli che bisogna lavorare, cercando di ispirare chi ci sta vicino, non a prendere una determinata posizione, ma a capire ed accettare che siamo tutti diversi, e che la diversità va semplicemente rispettata.


Francesca Polizzi, la stella curvy italiana che brilla anche all' estero
 

Bullismo. Un tema sempre molto attuale, nelle ultime settimane abbiamo letto di ragazzine che si sono tolte la vita per un problema di accettazione in una società piena di stereotipi, possiamo sapere la tua?
 

Il bullismo è un fenomeno terribile, inaccettabile e brutalmente reale. Difficile da combattere, dato che spesso non si ha a che fare con persone mature, ma con personcine non ancora mentalmente formate, che credono che umiliando chi è diverso, possano riuscire ad inserirsi meglio o a sentirsi più importanti all’interno di un gruppo. Sembrano provare un piacere perverso nel veder affondare il prossimo, per sentirsi meglio con loro stessi, cosa che non capirò mai e credo derivi da una mancata educazione e da una sfrenata insicurezza. Credo comunque che chi risente di più di questo fenomeno, e chi ne è maggiormente colpito, siano tutte quelle persone che non hanno ricevuto (o non ricevono) un supporto adeguato, che non sono state abituate a riconoscere sè stesse come persone valide, degne di ricevere lo stesso trattamento di chiunque altro. Forse la via per estinguere questa spregevole realtà sta negli insegnamenti che abbiamo il dovere di tramandare ai nostri figli: a rispettare gli altri certo, ma, soprattutto, a rispettare sè stessi, a darsi la giusta importanza, a non considerarsi mai inadeguati finchè si vive nella correttezza e nella civiltà; forse in questo modo creeremmo una corazza di sicurezza, che li renderà immuni a questi vili attacchi.
 

Arrivare a posare in giro per il mondo partendo da Roma quanto ti ha cambiato? e quanto ti ha ha fatto crescere?

Da modella alle prime armi, spaesata e senza alcuna esperienza, non vedevo la realtà in cui mi trovavo e non ne conoscevo di altre. Roma per me è stata una base, in cui ho fatto le prime esperienze in ambito lavorativo, in cui ho conosciuto persone che si sono messe a disposizione per supportarmi e permettermi di crescere, e di questo le ringrazierò sempre. Purtroppo, e dico purtroppo perchè non ci sono parole che esprimano quanto io possa amare la mia città, passare da Roma a Milano, e da Milano al resto del mondo, mi ha tristemente svelato quanto il settore moda romano sia brutalmente soggiogato dalla non professionalità delle figure che lo dominano, un ambito in cui i talenti vengono soppiantati, e non hanno possibilità di svilupparsi più di tanto. Per fortuna, ho recentemente notato che le cose stanno lentamente cambiando, grazie al supporto di chi ha abbastanza influenza e potere, per cercare di risollevare il tono in cui la moda romana si ritrova. 
Mi ritengo fortunata, per aver avuto la possibilità di spostarmi, e fare esperienze diverse di ogni genere, mi aspetto di avere ancora infiniti gradini di fronte a me, e mille realtà con cui confrontarmi; spero che questa crescita mi porti sempre maggiore consapevolezza, ma soprattutto la possibilità di modificare, nel mio piccolo, certe realtà.
 

Bella intelligente e con i piedi per terra... com'è il mondo della moda curvy visto dall'interno?

 

La moda curvy non fa alcuno sconto, al contrario di quanto molti possano pensare. Il livello di precisione, impegno, dedizione, serietà e professionalità richiesto all’interno del mondo curvy, che si parli di modelle, designer, stylist o managers, è esattamente equiparabile alla moda standard, per non parlare poi della competizione interna! E’ un mondo frenetico, in continua evoluzione, un fiore che ha iniziato ha sbocciare solo da pochi anni, e diventa sempre più grande, complesso e sfaccettato. Per me rimane comunque un sogno che si avvera!

 

Solita domanda .... ma anche noi dobbiamo fartela per le nostre lettrici... chi vuole entrare in questo mondo che cosa deve fare e come si deve proporre?
 

Anche quì, al contrario di quanto si pensi, avere una taglia over 44 è necessario, ma non è assolutamente sufficiente...mille sono i requisiti richiesti, sia fisici che relativi alla propria attitudine. Ovviamente ogni bellezza è diversa, ma arriva per tutte il momento in cui bisogna fare i conti con l’insidacabile giudizio del mercato. E’ comunque una domanda che ricevo quasi quotidianamente, a cui sono sempre felice di rispondere, basandomi sulll’esperienza che ho accumulato fino a questo punto; ho infatti dedicato una sezione del mio blog personale a rispondere in ogni minimo dettaglio, giusto per non farsi sfuggire neppure una virgola! Sono comunque dell’idea che provarci sia il primo passo per entrare in questo magico mondo; è stato un pò quello che ho fatto io, quando dopo anni da freelance “ci ho provato”, e sono stata accettata all’interno della mia agenzia, la Beautyfull models, che adoro, per la quale nutro infinita gratitudine e riconoscenza.


Francesca Polizzi, la stella curvy italiana che brilla anche all' estero
 

Come ti vedi tra 10 anni?

Se mi avessero fatto questa domanda 10 anni fa, non ne avrei azzeccata una! Mai mi sarei immaginata di fare le mille cose che caratterizzano ora la mia quotidianità, di raggiungere certi traguardi e scoprirmi adatta per certi ruoli. Non credo che ne azzeccherei una neppure adesso, nonostante sia una ragazza abbastanza determinata e calcolatrice, lascio sempre un pò di spazio all’improvvisazione; è cosa buona e giusta programmare il proprio futuro, ma permettendo a noi stessi, alle volte, di intraprendere strade nuove ed inaspettate. Quello che sarebbe il mio sogno è riuscire prima o poi ad unire le mie più grandi passioni, ciò a cui mi dedico ogni giorno: la moda e il design;


Prossimi impegni? qualche anticipazione?

Anno nuovo vita nuova! Un modo simpatico per dire che non ho alcuna idea di cosa mi aspetti! Ho mille progetti personali da portare a termine, oltre che continuare e crescere con il mio lavoro. 
L’obbiettivo che mi prefiggo è cercare di essere il più possibile di ispirazione, un punto di riferimento, spero quindi di riuscire ad entrare sempre più in contatto con le ragazze che decidono di seguirmi, e avere la possibilità di cambiare in meglio la loro visione di sè stesse e, di conseguenza, della loro vita.

 

Ti ringrazio per il tempo che ci hai concesso... spero di rivederti presto e chissà di collaborare per qualche bell'evento, che ne pensi?

Grazie a te Mya, per la stima che hai di me, come ne hai sempre avuta! Considerami pure sempre pronta e disponibile a mille nuove esperienze!

 

 

Curvypeople wetrustinu

alla prossima

Mya

 

seguite francesca su:

www.facebook.com/francescapolizzimodel

www.instragram.com/model_francescapolizzi


Mya Lunardi
pubblicato il 01/01/2017



GALLERY IMMAGINI


VIDEO

Tags:


NAVIGAZIONE



LASCIA UN COMMENTO

Ti è piaciuto questo articolo?


Francesca Polizzi, la stella curvy italiana che brilla anche all' estero
Seguici su Facebook, basta un like :)