Le curvy secondo me
Le curvy secondo me

Le curvy secondo me

Modelle curvy: cosa ne pensano le colleghe normopeso? Lo abbiamo chiesto alla giovane Fabiola Morabito, astro nascente delle passerelle



Le ragazze in carne, quelle che un tempo venivano definite taglie forti e lasciate ai margini di tutto ciò che è fashion, stanno invadendo il mondo della moda e non solo, tanto che si è parlato di una vera e propria rivoluzione curvy. Ma come stanno vivendo questo fenomeno le modelle normopeso che, se prima dovevano vedersela con una ristretta cerchia di rivali, oggi si trovano in competizione con le taglie più disparate? Lo abbiamo chiesto a Fabiola Morabito, giovane top model che ha partecipato, tra gli altri, anche al concorso di Miss Italia.

Le curvy secondo me

Come ti sei avvicinata al mondo della moda?

Mi sono sempre interessata al mondo della moda seguendo le sfilate e nuove collezioni. A 18 anni ho avuto l'opportunità di sfilare per la prima volta su una vera passerella. Fu un'esperienza che non dimenticherò mai! Da quella volta, non mi sono più fermata.

Per quale stilista sogni di sfilare?

Il mio sogno è poter pubblicizzare i capi di Elisabetta Franchi. Adoro tutti i suoi abiti, rappresentano al massimo il mio stile e rimango fulminata ogni volta che guardo le sue nuove collezioni, non sbaglia un colpo.

Il look che ti rappresenta di più? 

Amo i pantaloni e le gonne a vita alta che snelliscono la forma e donano eleganza alla figura. Abbinati con una maglia morbida e ad uno stivaletto rialzato.

Le curvy secondo me

Quali sono le tue armi segrete in passerella?

La camminata, decisa e provocante, e lo sguardo, fulminante e magnetico!

Nel mondo della moda stanno prendendo sempre più piede le modelle curvy. A cosa pensi sia dovuto questo fenomeno?

Troppe ragazze ormai basano la loro vita e i loro canoni estetici su ciò che vedono in tv, dalle sfilate a programmi televisivi, come anche su riviste e giornali. Si creano così modelli da seguire ed imitare che possono recare gravi danni a livello psicologico e fisico. Arrivano a pensare che la bellezza sia rappresentata dalla magrezza e che quella sia la corretta via per essere ed apparire perfette agli occhi di tutti. Invece purtroppo diventano malattie mortali dalle quali poi è molto  difficile uscire. E parlo per esperienza perché, purtroppo, ci sono passata anch'io. Tutto questo capita a causa di queste modelle troppo magre. Inserire le "curvy" non solo aiuterebbe a ribaltare questo falso pregiudizio che lega la bellezza alla magrezza, ma valorizzerebbe anche la VERA donna: la moda è destinata al pubblico e il 90% è formato da ragazze e signore che hanno forme vere. Vedere i capi indossati da corpi non scheletrici renderebbe anche tutto più realistico e raggiungibile. 

Nina Moric ha pesantemente attaccato le ragazze in carne. Cosa ne pensi?

La Moric viene dalla moda degli anni '90 in cui discorsi del genere non erano minimamente plausibili. Tra l'altro il pulpito parte da una donna che rappresenta palesemente l'incarnazione del corpo femminile prediletto dalla moda di sempre. Dunque è una realtà che accetterà difficilmente, perché estenderebbe quel prezioso privilegio che apparteneva ad una ristretta nicchia di donne come lei che hanno avuto la fortuna di nascere così ad una più ampia categoria di fisici fino adesso snobbati e tagliati fuori dal mondo della moda. Io non la condanno, sono punti di vista e vanno rispettati, semmai non li condivido.

A Miss Italia è arrivata seconda la curvy Paola Torrente. Condividi questa medaglia d'argento?

Premetto che la Torrente non mi piaceva proprio tanto a livello di viso. L'anno scorso c'erano delle curvy davvero meravigliose come Sara Affi Fella. Ma ho tifato per lei più per quello che rappresentava, per la categoria. E, a questo punto, se Miss Italia voleva davvero dare una dimostrazione di una drastica volontà di cambiamento della società e dei suoi canoni di bellezza, poteva farla vincere. Perché alla fine vuoi non vuoi si parla della vincitrice e non della seconda, è lei che rimane nella storia. Peccato.

Qualcuno ha insinuato che le curvy dovrebbero concorrere in una categoria a parte. Secondo te?
  
Ma figurarsi! Miss Italia, come dice lo stesso nome, deve premiare le donne italiane. E noi italiane siamo famose in tutto il mondo anche per le nostre fisicità calde, morbide e sinuose. La donna italiana è anche e soprattutto questo. Lo dimostrano bellezze internazionali come la Bellucci o la Ferilli. Penso che questi discorsi siano frutto di una grandissima ignoranza! 

Foto: Andrea Rigon

 


Sonia Russo
pubblicato il 24/10/2016



GALLERY IMMAGINI


Tags:


NAVIGAZIONE



LASCIA UN COMMENTO

Ti è piaciuto questo articolo?


Le curvy secondo me
Seguici su Facebook, basta un like :)